Scuola superiore e reading in Inglese

Le principali evidenze dai risultati dell’ultimo anno

I dati INVALSI parlano chiaro. Nel reading in Inglese più della metà degli studenti raggiunge il livello B2. Molte scuole quindi riescono a garantire ai propri studenti un livello di competenza adeguato e in linea con ciò che ci si aspetta dai ragazzi al termine della scuola superiore. Ma cosa succede se analizziamo questo 50% dal punto di vista degli Istituti superiori e delle aree geografiche italiane?

Con la Prova di reading in Inglese nell’anno scolastico 2018-2019 è stato possibile conoscere per la prima volta il livello di preparazione nella comprensione della lettura in Inglese degli studenti all’ultimo anno di scuola superiore.

Un dato che in precedenza non era possibile ottenere e che fornisce informazioni più dettagliate anche rispetto ai traguardi raggiunti dagli studenti all’interno dei diversi tipi di istruzione secondaria e delle aree geografiche. 

Con l’aiuto di alcune grafiche interattive cerchiamo di fare il punto rispetto ai risultati ottenuti dagli studenti del grado 13 per coglierne gli aspetti più salienti.

Più della metà degli studenti raggiunge il livello B2 in reading

Il primo dato che emerge dai risultati nella Prova di Inglese di reading è che oltre la metà degli studenti raggiunge il livello B2, come previsto dalle Indicazioni nazionali e Linee guida.

Ma cosa significa per un ragazzo dell’ultimo anno delle superiori aver raggiunto il livello B2?

Nella descrizione sintetica dei livelli relativi al reading troviamo la seguente definizione:

È in grado di leggere in modo ampiamente autonomo, adattando stile e velocità di lettura ai differenti testi e scopi e usando in modo selettivo le opportune fonti per riferimento e consultazione. Ha un patrimonio lessicale ampio che attiva nella lettura, ma può incontrare difficoltà con espressioni idiomatiche poco frequenti.

I ragazzi a questo livello di competenza sono quindi in grado di leggere testi in lingua inglese di diversa tipologia e di comprenderne pienamente il significato grazie anche alle conoscenze lessicali e abilità acquisite durante il percorso scolastico essenziali per valutare, integrare e sintetizzare adeguatamente le informazioni contenute in un testo. 

Ma cosa succede se entriamo nel dettaglio dei risultati del grado 13 e guardiamo al dato dal punto di vista delle tipologie di Istituto superiore presenti nel nostro Paese?

I Licei vanno meglio degli altri indirizzi di studio

Guardando il risultato ottenuto dagli studenti del grado 13 dal punto di vista delle tipologie di istruzione superiore emerge immediatamente che esiste una netta differenziazione nel risultato tra gli studenti dei Licei rispetto a quelli degli altri istituti superiori. Navigando la grafica sottostante si evidenzia che i Licei riescono a garantire alla maggior parte dei propri studenti il livello di competenze richiesto.

In particolar modo, nei Licei scientifici e classici 3 studenti su 4 (75,2%) raggiungono l’obiettivo previsto dalle Indicazioni nazionali e dalle Linee guida, a differenza degli Istituti professionali che invece registrano la percentuale più alta di studenti che non raggiunge il livello B1 (29,5%).

Il livello B2 a livello di macro area

Scomponendo ulteriormente il dato, nel reading emerge un altro aspetto importante. La percentuale di studenti nel livello B2 diminuisce man mano che si passa da nord verso il sud. In tutte le macro aree, a partire dal centro Italia, si registra infatti più o meno lo stesso fenomeno di diminuzione della percentuale.

Se tra Nord Ovest e Nord Est la percentuale di studenti che raggiunge il B2 è simile, non è possibile affermare lo stesso per le altre macro aree.

Il cambio di passo più evidente nel grafico si riscontra negli Istituti professionali del Centro, dove la percentuale di studenti nel livello B2 scende di circa il 10% rispetto al Nord, per poi scendere ancora di più nel Sud e Sud e Isole.

I dati INVALSI possono dirci molto di più

I dati INVALSI possono fornirci ulteriori informazioni rispetto ai risultati ottenuti dai ragazzi del grado 13 nella Prova di reading.

Oltre a restituire una panoramica generale rispetto al livello di competenza raggiunto per tipologia di Istituto e per macro area, offrono anche un’analisi più dettagliata dei risultati a livello regionale e permettono di confrontare alcune variabili presenti all’interno della scuola, quali il genere e l’origine dei nostri ragazzi.

Approfondimenti

Se hai trovato interessante questo contenuto puoi iscriverti alla newsletter mensile di INVALSIopen per ricevere via mail i nostri aggiornamenti.

Voglio ricevere gli aggiornamenti di INVALSIopen


® INVALSI – Via Ippolito Nievo, 35 – 00153 ROMA – tel. 06 941851 – fax 06 94185215 – c.f. 92000450582 | CookiesPrivacy PolicyPhoto Credits

Torna su