Giornata Internazionale dell’Alfabetizzazione 2020

Insegnamento e apprendimento nell’epoca COVID-19 e oltre

L’8 settembre l’UNESCO celebra l’International Literacy Day 2020 per non dimenticare che l’alfabetizzazione è un diritto essenziale per lo sviluppo e il benessere di individui, famiglie e società.

Giornata Internazionale dell’Alfabetizzazione 2020

L’8 settembre è la Giornata internazionale dell’Alfabetizzazione (International Literacy Day) UNESCO, un’occasione di riflessione sul tema del diritto all’istruzione e i sui suoi stretti legami con lo sviluppo della dignità umana.

Come si legge nel documento di presentazione della quarta edizione di GRALE, Rapporto Globale sull’Apprendimento e l’Istruzione degli adulti a cura dell’UNESCO:

L’istruzione è un diritto umano fondamentale, un bene pubblico prezioso e uno strumento indispensabile per costruire società pacifiche, sostenibili e più giuste.

Ogni anno dal 1967, la Giornata Internazionale per l’Alfabetizzazione riporta l’attenzione della comunità internazionale su un diritto che non è ancora garantito a tutti, anche nell’era digitale e della conoscenza globale.

L’UNESCO ha calcolato che, nonostante i progressi fatti, sono ancora almeno 773 milioni in tutto il mondo gli adulti privi di competenze di alfabetizzazione di base.

Più di 617 milioni sono i bambini e gli adolescenti che non raggiungono livelli minimi di competenza in Lettura e Matematica.

Le celebrazioni per la Giornata Internazionale dell’Alfabetizzazione 2020

Le celebrazioni del 2020 per l’International Literacy Day sono dedicate all’insegnamento e all’apprendimento nel contesto della crisi COVID-19 che ha inevitabilmente aggravato lo svantaggio educativo di alcune fasce della popolazione mondiale. 

Le scuole sono state chiuse in più di 190 Paesi. L’istruzione del 91% della popolazione studentesca mondiale, circa 1,6 miliardi di studenti, si è interrotta nel periodo più acuto della pandemia.

La discussione è animata dall’UNESCO attraverso il programma di due conferenze virtuali: 

in che modo le pedagogie e le metodologie di insegnamento possono intervenire per far progredire i programmi di alfabetizzazione per giovani e adulti? 

Si analizzerà anche il ruolo degli educatori, oltre che le politiche e le misure efficaci per supportarli nelle prassi di apprendimento. 

Programma Giornata Internazionale dell’Alfabetizzazione
8 settembre 2020

Ore 13:30-15:30

Insegnamento e apprendimento dell’alfabetizzazione nella crisi COVID-19 e oltre: il ruolo degli educatori e delle pedagogie che cambiano

Ore 16:00-17:00

Incontro con i vincitori dei Premi internazionali di Alfabetizzazione dell’UNESCO 2020

Questo il link per accedere alle due conferenze.

Che cosa significa alfabetizzazione

Ma cosa si intende con il termine literacy, comunemente tradotto in italiano con la parola alfabetizzazione?

Il significato è evoluto nel tempo parallelamente allo sviluppo delle nostre società.

Per rendersene conto basta ripercorrere il progresso delle diverse definizioni fornite dall’UNESCO stesso a partire dal 1958 e poi di seguito aggiornate ogni 20 anni circa in senso sempre più plurale e funzionale

Un approccio tradizionale identifica con il termine alfabetizzazione un insieme di abilità cognitive di base (scrittura e lettura), integrate eventualmente con le numeracy essential skills, ovvero le abilità essenziali numeriche e matematiche.

Questo approccio si trova in parte in alcune indagini internazionali che mirano a valutare lo stato della literacy nei diversi Paesi del mondo, come quelle svolte dall’OCSE con il Programma PISA. 

Tuttavia, proprio nel contesto dell’indagine PISA, il termine literacy ha assunto via via un’accezione più ampia.  Molti studiosi ritengono quindi che, in questo caso, una traduzione con competenze sembrerebbe più idonea. 

Pluralità di alfabetizzazione

Nel 2004, l’UNESCO ha presentato la nozione di pluralità di alfabetizzazione, sottolineando le dimensioni sociali dell’acquisizione e dell’uso dell’alfabetizzazione.

L’alfabetizzazione comporterebbe cioè un set più ampio di abilità e competenze rispetto a quello di base comprendente la lettura, la scrittura e le abilità aritmetiche.
Ne fanno parte ad esempio la competenza digitale e le life skill, le abilità per la vita, che richiedono un apprendimento e un’applicazione sostenuti nel tempo per raggiungere livelli avanzati.

È un analfabeta funzionale o un illetterato una persona incapace di esercitare tutte le attività per cui è necessaria l’alfabetizzazione nell’interesse del buon funzionamento del gruppo e della comunità di appartenenza e anche per consentirgli di continuare a leggere, scrivere e far di conto in vista del proprio sviluppo e di quello della propria comunità.

Anche l’Unione Europa, seguendo la letteratura in materia, interpreta la literacy con una connotazione che abbraccia sempre più una pluralità di alfabetizzazioni necessarie alla vita comune, alla partecipazione al mondo del lavoro e alla cittadinanza attiva. 

Le persone che sperimentano quotidianamente l’emarginazione sociale e che hanno difficoltà nell’uso della lingua orale e scritta sono meno autonome e maggiormente dipendenti dall’assistenza degli altri.

La ricerca sulla dispersione scolastica implicita

In questo senso, la conoscenza del fenomeno dell’analfabetismo funzionale negli adulti si arricchisce anche degli studi e della ricerca INVALSI che hanno reso osservabile il fenomeno della dispersione scolastica implicita.

La dispersione implicita comprende quegli studenti che pur arrivando a conseguire un diploma non raggiungono i livelli di competenze che le istituzioni hanno individuato come essenziali per vivere un futuro pieno e realizzato.

Prevenire il fenomeno della dispersione fin dall’inizio della vita scolastica può contribuire in modo sostanziale a migliorare in età adulta l’alfabetizzazione, intesa come parte integrante dell’apprendimento permanente, anche in prospettiva del raggiungimento dell’Obiettivo 4 dell‘Agenda ONU per lo Sviluppo Sostenibile:

Fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva, e opportunità di apprendimento per tutti.

Approfondimenti

Se hai trovato interessante questo contenuto puoi iscriverti alla newsletter mensile di INVALSIopen per ricevere via mail i nostri aggiornamenti.

Voglio ricevere gli aggiornamenti di INVALSIopen


Seguici sui nostri canali social

® INVALSI – Via Ippolito Nievo, 35 – 00153 ROMA – tel. 06 941851 – fax 06 94185215 – c.f. 92000450582 | CookiesPrivacy PolicyPhoto Credits

Torna su