Pubblicazioni

Qui trovi le principali pubblicazioni nazionali e internazionali sulla valutazione e sulle tematiche riguardanti il mondo della scuola. Le pubblicazioni sono elencate in ordine cronologico e possono essere filtrate per tipologia di pubblicazione: articoli, libri, working papers e rapporti.

Copertina di Rileggere Visalberghi

Rileggere Visalberghi

A cura di: Cristiano Corsini (2018)

Editore: Nuova Cultura, Roma

Codice ISBN: 9788833650098 (print) – 9788833650388 (online)

Link alla scheda del libro

A oltre sessanta anni dalla sua pubblicazione, Misurazione e valutazione nel processo educativo (1955) di Aldo Visalberghi rappresenta ancora un utile punto di riferimento per leggere criticamente gli approcci emergenti nella valutazione di apprendimenti, scuole e università. Di fronte all’affermarsi di una “cultura della valutazione” che sembra negare il “senso della misura” invocato da Aldo Visalberghi, i richiami alla necessità di un rapporto dialettico tra valutazione e misurazione e a un’oggettività “relativa e critica” conservano intatto il loro valore.
Questo lavoro restituisce una prima raccolta di contributi degli esperti che, il 18 e 19 gennaio 2016, hanno partecipato al Convegno “Misurazione e Valutazione di scuole e università. Inattualità di Aldo Visalberghi”, organizzato presso il Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università di Catania. Le relazioni si concentrano sulla rilevanza del testo del 1955 in riferimento a due dinamiche ben presenti, oggi, nel nostro sistema educativo: quella relativa alla rilevazione degli apprendimenti e quella legata alla valutazione di scuole e università.

Leggi l'abstract Chiudi
Copertina di The importance of Motivation in an Educational Environment

The importance of Motivation in an Educational Environment

Autore: Eskja Vero & Edi Puka (2017)

Rivista: Formazione & Insegnamento XV – 1 – 2017

Editore: Pensa MultiMedia s.r.l., Lecce

Codice ISSN: 19734778 (print) – 22797505 (online)

DOI: 107346/-fei-XV-01-17_05

Link diretto all’articolo

In questo articolo andremo a discutere di come il concetto di motivazione in materia di
istruzione influenzi il processo di apprendimento degli studenti. La mancanza di motivazione in materia di istruzione è in grado di minare il processo del loro apprendimento. Gli studenti sono motivati a accumulare conoscenza, senza incentivi interni (psicologici, emotivi) o esterni (sociali – educativi)? Come costruire una combinazione di fattori motivazionali interni ed esterni, tra docente e studente, per le funzioni di apprendimento in ambito accademico? Tutti gli studenti, compresi gli insegnanti, sono motivati in modi e forme diverse. Per questo motivo, l’ambiente educativo è sempre molto dinamico, poiché ciascuno dei due componenti svolge determinati ruoli. Sotto l’aspetto motivazionale, il ruolo degli insegnanti nel processo educativo consiste nella creazione di un clima e di un atteggiamento positivo che incoraggia l’apprendimento e il successo a lungo termine. Mentre il ruolo degli studenti consiste nella trasformazione qualitativa della conoscenza e nell’essere attivi per aumentare la qualità degli studi accademici. Aumentare la forza collaborativa e comunicativa tra allievo e formatore rappresenta due fattori fondamentali di motivazione per l’apprendimento. Lo studio si baserà su un quadro di familiarità con alcune delle definizioni principali del termine “motivazione all’apprendimento” e con alcune teorie socio-educative e psicologiche, la teoria di Maslow, Herzbergs, McClelland, etc., per cogliere il punto di vista di alcune delle prospettive e competenze educativo-cognitive che realizzano la motivazione degli studenti in ambito accademico.

Leggi l'abstract Chiudi
Copertina di Sistema de evaluación institucional en enseñanza obligatoria en Iberoamérica

Sistema de evaluación institucional en enseñanza obligatoria en Iberoamérica

Autore: Joaquín Gairín & Anna Díaz-Vicario (2016)

Editore: Santillana, Santiago de Chile

Codice ISBN: 9789561530195

Link alla scheda del volume

La presente publicación sigue con la tradición de reflejar las reflexiones y debates de los miembros de la RedAGE; en este caso, sobre la evaluación institucional en la enseñanza obligatoria. Concretamente, se focaliza en la evaluación institucional externa (vinculada o no a la autoevaluación interna) y, por tanto, considera prioritariamente la manera como se evalúan los centros educativos como totalidad y no tanto alguno de sus aspectos (evaluación de la dirección, de los profesores, de los programas, etc.), que también pueden estar considerados. El énfasis también está en conocer la organización y desarrollo del sistema de evaluación.

Recoge la visión de 43 especialistas de trece países iberoamericanos sobre las formas de entender y promover la evaluación institucional en sus centros educativos. Sus aportaciones, que deben contextualizarse en las particularidades educativas de sus países (ya presentadas en anteriores informes de la RedAGE), presentan los aspectos generales y normativos de la evaluación, las formas cómo se organiza, los efectos institucionales que tienen y algunas reflexiones, retos y propuestas para la mejora. Su orientación es claramente práctica y se vincula al encuentro anual que la RedAGE realizado los días 16 y 17 de mayo de 2016 en la ciudad de Leiria (Portugal).

Leggi l'abstract Chiudi
Copertina di Asia as Method in Education Studies

Asia as Method in Education Studies

A defiant research imagination

A cura di: Hongzhi Zhang, Philip Wing Keung Chan, Jane Kenway (2015)

Editore: Routledge, London

Codice ISBN: 9781138785960 (print) – 9781315767505 (online)

DOI: https://doi.org/10.4324/9781315767505

Link alla scheda del libro

Unlearning and re-inventing the theoretical frameworks of Intercultural and Asian Studies is central to this book as it is to Chen Kuan-Hsing’s evocative Asia as Method; this book’s inspirational source. Chen insists that studies of Asia move beyond their paralysing fixation on the West as either a positive or negative referent and that they develop their own standpoints, reference points and research agendas. Asia as Method in Education Studies, is therefore, a provocative and suggestive exploration of educational ideas imported from the West. Chen’s challenge provokes the writers in this collection to consider the implications of colonial and imperialist forces for education systems, policies and practices as well as for educational research itself. The writers offer examples of what it means to rethink and re-examine education in Asia beyond both the Western imperialist eye and the post-colonial ‘politics of resentment’

Leggi l'abstract Chiudi
L'istruzione difficile I divari nelle competenze fra Nord e Sud

L’istruzione difficile

I divari nelle competenze fra Nord e Sud

A cura di: Pier Francesco Asso, Laura Azzolina e Emmanuele Pavolini (2015)

Editore: Donzelli Editore, Roma

Codice ISBN: 9788868434168

Link alla scheda del libro

La formazione di capitale umano qualificato è uno dei fattori all’origine della crescita economica. In questi anni di crisi, il Mezzogiorno sta sperimentando forti difficoltà nel produrre e valorizzare un tale capitale. Le ragioni di siffatta situazione dipendono non soltanto dai noti fenomeni legati all’emigrazione di giovani con livelli elevati di istruzione, ma anche dai cospicui ritardi negli apprendimenti e nelle competenze di base degli studenti meridionali. Questi risultati, spesso richiamati da indagini ufficiali e dalla letteratura scientifica, vengono confermati e approfonditi dal Rapporto Res 2014. Ma come si possono spiegare differenze così ampie nei rendimenti scolastici fra Nord e Sud del paese? Quanto conta il retroterra economico e culturale delle famiglie o la situazione del contesto locale? E quanto invece incidono i diversi attori, come dirigenti scolastici e insegnanti, che operano dentro la scuola e ne definiscono la capacità di formare le competenze degli studenti? Quali sono, in definitiva, i fattori che rendono veramente «difficile» il percorso di istruzione di un giovane siciliano o del Sud Italia? La ricerca, realizzata dalla Fondazione Res e curata da Pier Francesco Asso, Laura Azzolina e Emmanuele Pavolini, cerca di rispondere a queste domande e mostra in che modo i diversi fattori legati al contesto esterno o al buon funzionamento delle scuole influiscano sui divari territoriali negli apprendimenti. Ricorrendo a metodi di ricerca quantitativi e qualitativi, il volume indaga il mondo della scuola e approfondisce, anche attraverso l’ausilio di un consistente numero di studi di caso (siciliani e di altre regioni del Sud e del Nord), esperienze diverse da cui si traggono molti suggerimenti per la messa a punto di politiche dirette al miglioramento dei risultati dell’istruzione.

Leggi l'abstract Chiudi
Copertina mancante in Pubblicazioni

Il Servizio Nazionale di Valutazione e le prove INVALSI

Stato dell’arte e proposte per una valutazione come agente di cambiamento

Autore: Roberto Trinchero (2014)

Rivista: Form@re, Open Journal per la formazione in rete – Numero 4, Volume 14, pp. 34-49.

Codice ISSN: 18257321 DOI: 10.13128/formare-15794

Link alla scheda dell’articolo

Qual è la funzione del Servizio Nazionale di Valutazione formativa degli istituti scolastici? A cosa servono davvero le prove Invalsi? Le critiche che spesso vengono mosse a queste prove sono veramente fondate? Come può la valutazione dell’offerta formativa scolastica costituire davvero un agente di miglioramento? Il presente articolo intende fornire alcune risposte a queste domande, partendo dalle istanze che hanno ispirato l’autonomia scolastica e offrendo spunti per un utilizzo non fazioso della valutazione. La valutazione può essere davvero agente di cambiamento a patto che: i) sia attribuito ai dati il corretto significato; ii) la scuola sia in grado di comprendere i potenziali suggerimenti che la valutazione può dare e si apra al cambiamento positivo. La valutazione applicata ad una “scuola che si difende” non può che provocare inutili esiti di facciata. La valutazione applicata ad una “scuola che apprende” può davvero aiutarla ad esplicare appieno tutte le proprie potenzialità.

Leggi l'abstract Chiudi
Copertina di Migliorare la scuola

Migliorare la scuola

Autovalutazione, valutazione e miglioramento per lo sviluppo della qualità

A cura di: Massimo Faggioli (2014)

Editore: Edizioni junior, Parma

Codice ISBN: 9788884346407

Link alla scheda del libro

Come migliorare la scuola e darle nuovo impulso, rivitalizzando la voglia di cambiamento, in un sistema che vive una fase di crisi durissima? Da alcuni anni si parla della necessità di introdurre anche nelle scuole la cultura organizzativa, di ancorare i processi di innovazione a un quadro di maggiore certezza, a strumenti di analisi dei processi e degli esiti più puntuali e precisi. Il recente Sistema Nazionale di Valutazione può rappresentare una grande opportunità per dare impulso a questi processi, purché se ne colga il potenziale innovativo e non se ne faccia un’applicazione burocratica e formale. La messa a regime del nuovo sistema è un’occasione per valorizzare l’autonomia delle scuole, chiamate a confrontare gli esiti dell’autovalutazione con quelli della valutazione esterna per scegliere infine le priorità su cui intervenire con il piano di miglioramento: è la fase più interessante e innovativa che si realizza con l’ingresso della cultura organizzativa nella scuola, rendendola protagonista del governo dei processi ed esaltando la dimensione della sua autonomia. Il volume, frutto di una partnership di ricerca tra INDIRE e alcune Università, presenta i temi legati all’attivazione dei piani di miglioramento delle scuole e al supporto che dall’esterno si può dare per garantirne l’efficacia.

Leggi l'abstract Chiudi
Copertina di La certificazione delle competenze come “libertà di agire”

La certificazione delle competenze come “libertà di agire”

Autore: Giorgio Riello (2013)

Rivista: Formazione & Insegnamento XI – 1 – 2013

Editore: Pensa MultiMedia s.r.l., Parma

Codice ISSN: 19734778 (print) – 22797505 (online)

DOI: 10746/-fei-XI-01-13_22

Link alla scheda dell’articolo

Nell’ambito dell’attuale dibattito europeo sulle politiche in materia di occupazione ricopre un ruolo predominante il concetto di flexicurity, quale forma di equilibrio tra il bisogno di flessibilità dei datori di lavoro e il bisogno di sicurezza dei lavoratori. La certificazione delle competenze si iscrive tra le politiche attive che favorisco processi di flexicurity. Tuttavia le politiche attive non devono essere intese solo come semplice protezione sociale di tipo compensatorio per una forza lavoro flessibile, bensì orientati a sostenere anche l’empowerment del soggetto e le sue capacità.

Leggi l'abstract Chiudi
Copertina di Synergies for Better Learning

Synergies for Better Learning

An International Perspective on Evaluation and Assessment

Autore: OECD (2013)

Editore: OECD Publishing, Paris

Codice ISBN: 9789264190658

Codice ISSN: 22230955 DOI: https://doi.org/10.1787/22230955

Link alla scheda del libro

How can assessment and evaluation policies work together more effectively to improve student outcomes in primary and secondary schools? Countries increasingly use a range of techniques for student assessment, teacher appraisal, school evaluation, school leader appraisal and education system evaluation. However, they often face difficulties in implementing evaluation and assessment policies. This may arise as a result of poor policy design, lack of analysis of unintended consequences, little capacity for school agents to put evaluation procedures into practice, lack of an evaluation culture, or deficient use of evaluation results. This report provides an international comparative analysis and policy advice to countries on how evaluation and assessment arrangements can be embedded within a consistent framework to improve the quality, equity and efficiency of school education. It builds upon a major 3-year review of evaluation and assessment policies in 28 countries, the OECD Review on Evaluation and Assessment Frameworks for Improving School Outcomes. As well as analysing strengths and weaknesses of different approaches, the report provides recommendations for improvement including how results should be incorporated into policy and practice.

Leggi l'abstract Chiudi
Copertina di Improving Quality in Education: Dynamic Approaches to School Improvement

Improving Quality in Education

Dynamic Approaches to School Improvement

Autore: Creemers Bert P. M. & Kyriakides Leonidas (2011)

Editore: Routledge, London

Codice ISBN: 9780415548731 DOI: https://doi.org/10.4324/9780203817537

Link alla scheda del libro

This book explores an approach to school improvement that merges the traditions of educational effectiveness research and school improvement efforts. It displays how the dynamic model, which is theoretical and empirically validated, can be used in both traditions. Each chapter integrates evidence from international and national studies, showing how the knowledge-base of educational effectiveness research can be used for improvement purposes. In a clear and practicable manner it outlines: (1) Foundations of the improvement approach; (2) Research projects investigating the impact of the dynamic approach; (3) Guidelines and practical solutions to translating the approach into action; and (4) Further developments for school improvement. Exploring the crucial factors in the establishment of this environment, the authors outline a dynamic framework that helps schools collect data, through self-evaluation mechanisms, taking decisions about priorities for improvement, and developing appropriate policies and action plans. This approach emphasises educational targets and provides means to achieve them that are flexible enough to fit in with the circumstances of the individual school. The book draws upon research across the world, conducted especially in the United States, Europe, and Australasia, expertly showcasing how the dynamic approach can be used in a wide variety of educational settings. A key book for all professionals working in education; academics, researchers, policy-makers, school advisors and practitioners will find it invaluable. Not only it is a must for graduate students, university libraries, and individual academics but also for school management teams, school support agencies and officials in educational policy.

Leggi l'abstract Chiudi

Seguici sui nostri canali social

® INVALSI – Via Ippolito Nievo, 35 – 00153 ROMA – tel. 06 941851 – fax 06 94185215 – c.f. 92000450582 | CookiesPrivacy PolicyPhoto Credits

Torna su