Beyond Academic Learning
Un’indagine sulle competenze sociali ed emotive

L’OCSE ha pubblicato i primi risultati della SSES – Survey of Social and Emotional Skills, un’indagine sulle abilità sociali ed emotive che costituisce uno dei primi studi internazionali per raccogliere dati da studenti, genitori e insegnanti sulle abilità sociali ed emotive degli studenti di età compresa tra 10 e 15 anni.

Le competenze sociali ed emotive rientrano nelle capacità, negli attributi e nelle caratteristiche importanti per il successo individuale e il funzionamento sociale di una persona.

Sono quindi essenziali per avere successo a scuola, sul lavoro e per poter partecipare pienamente alla società come cittadini attivi.

Da qualche anno queste competenze sono al centro sia del dibattito pubblico sia delle attenzioni dei sistemi educativi, in quanto gli effetti positivi prodotti dallo sviluppo delle abilità socioemotive dei bambini vanno oltre lo sviluppo cognitivo e i risultati accademici.

Tali abilità infatti sono fattori importanti per la salute mentale e per le prospettive professionali.

La capacità dei cittadini di adattarsi, essere ricchi di risorse, lavorare bene con gli altri rispettandoli e assumersi responsabilità personali e collettive sta diventando sempre più il segno distintivo di una società ben funzionante.

La Survey of Social and Emotional Skills

Il rapporto Beyond Academic Learning presenta i primi risultati dell’indagine dell’OCSE sulle competenze sociali ed emotive.

Descrive le abilità socioemotive degli studenti e il modo in cui si relazionano nei contesti individuali, familiari e scolastici.

Esamina inoltre le politiche educative e i contesti socioeconomici relativi a queste abilità e fa luce sulle buone pratiche per monitorare e promuovere le abilità sociali ed emotive degli studenti.

Vediamo insieme le principali evidenze emerse dall’Indagine.

La distribuzione socio-demografica delle abilità sociali ed emotive

Nella prima parte del Report vengono prese in esame le differenze nelle abilità sociali ed emotive tra gli studenti, sulla base di caratteristiche come età, sesso, condizione socio-economica e background migratorio.

Le capacità sociali ed emotive dei giovani diminuiscono quando entrano nell’età adolescenziale.

I ragazzi di 15 anni, indipendentemente dal sesso o dal background socio-economico, sembrano avere competenze inferiori rispetto ai bambini di 10 anni, con differenze particolarmente accentuate in ambiti come ottimismo, fiducia, energia e socialità. Questo calo si riscontra soprattutto nelle ragazze e investe la maggior parte di questi ambiti.

Se mediamente i ragazzi hanno livelli di regolazione emotiva, socialità e energia più elevati rispetto alle ragazze, queste hanno invece livelli più elevati di responsabilità, empatia e cooperazione con gli altri.

Sempre secondo i dati medi, gli studenti socio-economicamente avvantaggiati hanno riportato abilità sociali ed emotive superiori ai loro coetanei svantaggiati.

Successo accademico, istruzione e aspirazioni di carriera

Il secondo capitolo esamina il rapporto tra le diverse abilità sociali ed emotive e i risultati scolastici degli studenti, concentrandosi sui voti scolastici in Lettura, Matematica e Arte, nonché sulle aspettative educative e occupazionali.

Le abilità sociali ed emotive degli studenti sono forti predittori dei voti scolastici in base al background e all’età degli studenti e alla provenienza.

I dati suggeriscono inoltre che la relazione tra abilità sociali ed emotive e il rendimento scolastico è sfumata: alcune abilità non sono correlate con il rendimento scolastico mentre altre, in particolare la persistenza e la curiosità, sono fortemente legate ai risultati ottenuti sia dai ragazzi di 10 anni sia dai quindicenni. Ci sono poi abilità – come la resistenza allo stress, la creatività e la socialità – che sono correlate a un rendimento scolastico inferiore.

Lo stato socio-economico è quello correlato in maniera maggiormente significativa alle aspettative educative future degli studenti. Tra gli studenti con un background simile, le differenze nelle aspettative di completamento dell’istruzione superiore sono correlate alle differenze nelle abilità sociali ed emotive come la curiosità intellettuale.

Benessere psicologico degli studenti

Vi è poi un focus sui diversi aspetti del benessere psicologico degli studenti che esamina come questi sono correlati alle abilità indagate nell’Indagine SSES.

Le abilità sociali ed emotive degli studenti sono fortemente legate al benessere psicologico degli studenti, anche se la correlazione è subordinata allo status socio-economico e al genere.

Gli studenti socio-economicamente avvantaggiati generalmente manifestano un livello più elevato di benessere psicologico rispetto agli studenti con un background meno florido.

La percezione degli studenti di trovarsi in un clima scolastico competitivo e le maggiori aspettative di genitori e insegnanti si associano a un livello maggiore di benessere psicologico nei bambini di 10 anni e a un livello più elevato di ansia da test sia nei bambini di 10 che in quelli di 15.

Creatività e curiosità negli studenti

L’indagine ha anche analizzato come la creatività e la curiosità degli studenti siano correlate alle altre abilità sociali ed emotive, al background, ai loro comportamenti e risultati. 

I livelli di creatività e curiosità misurati sono significativamente più bassi tra i quindicenni rispetto ai bambini di 10 anni, ciò suggerisce un declino della creatività nell’adolescenza.

Le valutazioni dei genitori e degli educatori hanno confermato il calo nelle abilità sociali ed emotive man mano che gli studenti crescono. Tali giudizi non mostrano particolari differenze in relazione al genere.

Gli studenti di 15 anni che si considerano altamente creativi hanno descritto sé stessi come desiderosi di imparare cose nuove.

Coloro che hanno partecipato ad attività artistiche extrascolastiche hanno riportato livelli di creatività più elevati, in particolare tra i quindicenni.

Bullismo e interazioni sociali a scuola

L’ultimo capitolo esamina le relazioni sociali degli studenti a scuolail senso di appartenenza degli studenti alla scuola, la loro esposizione al bullismo e al loro rapporto con gli insegnanti – e la loro associazione con i dati demografici, sociali e con le capacità emotive.

Uno studente su cinque tra quelli di 10 anni ha riferito di essere vittima di prese in giro da parte degli altri studenti almeno una volta alla settimana.

I ragazzi hanno riportato una maggiore esposizione al bullismo rispetto alle ragazze. Nonostante questo, generalmente riferiscono un maggiore senso di appartenenza alla scuola rispetto alle ragazze, in particolare alle quindicenni.

Gli studenti provenienti da contesti socioeconomici più avvantaggiati hanno indicato rapporti migliori con i propri insegnanti rispetto a quelli provenienti da contesti meno avvantaggiati.

Negli studenti che hanno riferito di una maggiore esposizione al bullismo si riscontrano in misura minore resistenza allo stress, ottimismo e controllo emotivo.

Il modo in cui gli studenti vedono le loro relazioni con i loro insegnanti è fortemente influenzato dalla loro curiosità, motivazione e ottimismo.

Un database per le life skill 

Questa Indagine dell’OCSE è molto utile in quanto è una delle prime fonti di dati sulle competenze sociali ed emotive.

Le informazioni che offre possono fornire ulteriori elementi di riflessione e valutazione a supporto delle scelte per la programmazione delle attività educative nei vari sistemi educativi.

Per avere una maggiore quantità dati in tal senso sarebbe opportuno raccogliere più informazioni sulle life skill anche in altre indagini, in quanto tali competenze mettono in luce il contributo delle capacità sociali individuali e sulle abilità emotive al raggiungimento di migliori risultati a scuola e nella vita.

Approfondimenti

Se hai trovato interessante questo contenuto puoi iscriverti alla newsletter mensile di INVALSIopen per ricevere via mail i nostri aggiornamenti.

Voglio ricevere gli aggiornamenti di INVALSIopen


Seguici sui nostri canali social

 

® INVALSI – Via Ippolito Nievo, 35 – 00153 ROMA – tel. 06 941851 – fax 06 94185215 – c.f. 92000450582 | CookiesPrivacy PolicyPhoto Credits

 

logo PON

Torna su